Mare

L’Hotel Villa Michelangelo si trova a pochi passi dai maggiori centri turistici e balneari d’Abruzzo. La struttura si trova a Città Sant’Angelo, territorio di confine tra la costa Teramana e quella Pescarese.

Che scegliate l’ambiente più solitario delle spiaggette e dei promontori del sud o le ampie e festose spiagge attrezzate del nord, avrete di fronte un mare, in Abruzzo, davvero blu, premiato ogni anno con 13 Bandiere Blu d’Europa.

Vicino l’Hotel Villa Michelangelo troviamo a nord in provincia di Teramo località balneari come Silvi Marina, Pineto, Roseto degli Abruzzi, Giulianova, Tortoreto Lido, Alba Adriatica e Martinsicuro ed a sud in provincia di Pescara prima e Chieti dopo località balneari come Montesilvano, Pescara, Ortona, San Vito Chietino, Rocca San Giovanni, Fossacesia, Vasto, San Salvo.

img_mare_01
img_mare_02

Dalla Valle del Tronto fino al fiume Foro, situato poco a sud di Francavilla al Mare, la spiaggia è ampia e sabbiosa. L’arenile attrezzato è la soluzione ideale per le famiglie, confortevole e sicuro.

Musica, sport, intrattenimento, ristoranti nascosti dalle profumate pinete fanno da sfondo ad una vacanza al mare d’Abruzzo rilassante e allegra. A sud di Ortona la costa abruzzese diventa frastagliata. Gli scogli si alternano alle piccole insenature con spiagge e calette, in cui le acque limpide permettono di osservare i fondali dell’Adriatico.

L’intera costa abruzzese viene denominata Costa dei Trabocchi poiché in essa vi sono presenze lungo tutto il tratto costiero degli antichi trabocchi che erano delle palafitte sul mare dalle quali i pescatori di un tempo pescavano direttamente da sopra queste costruzioni gettando in mare le reti e prendendo quantità innumerevole di pesce.

La costa vicino l’Hotel è bellissima in particolare il tratto di collegamento tra Silvi e Pineto che ospita il Parco Marino del Cerrano. L’area, che si estende per 6 km al largo, ospita ad 11 m. di profondità un sito archeologico subacqueo importantissimo, i resti del porto di Hadria, la città d’arte di origine pre-romana che diede il suo nome al Mare Adriatico. Il porto, uno dei più importanti del medio Adriatico fino al 1500, fu edificato nel VII sec. a.C. e sprofondò nel 1627 a causa di un terremoto.

La Torre del Cerrano, situata sulla spiaggia a sud della cittadina, è una struttura fortificata edificata nel Cinquecento da Carlo V, per difendere la costa dalle incursioni di Slavi e Saraceni, che oggi ospita un centro di Biologia Marina ed è la sede dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano.

img_mare_03