Chiese ed Eremi

Il territorio abruzzese custodisce un patrimonio ricchissimo di chiese ed eremi, basiliche, abbazie, santuari, monasteri e conventi risalenti ad epoche storico-artistiche diverse e caratterizzati da una straordinaria varietà di stili architettonici.

La maggior parte di essi conserva tesori di valore inestimabile (affreschi, amboni, bassorilievi, altari lignei, ecc.), in parte ancora sconosciuti al grande pubblico.

Oltre alle maestose chiese e basiliche racchiuse tra le mura delle numerose città d’arte, spiccano:

– nel pescarese l’Abbazia di S. Clemente a Casauria a Castiglione a Casauria, l’Abbazia cistercense di S. Maria di Arabona a Manoppello Scalo, l’Abbazia benedettina di S. Liberatore a Majella a Serramonacesca, l’Abbazia di S. Bartolomeo a Carpineto della Nora, l’Abbazia di S. Maria del Lago a Moscufo, la Chiesa romanica di Santa Maria Maggiore a Pianella;

– nel teramano l’Abbazia di S. Maria di Propezzano a Morro D’Oro, l’Abbazia di S. Clemente al Vomano a Notaresco, l’Abbazia di S. Maria di Ronzano a Castel Castagna, il Duomo di Teramo;

– nel chietino l’Abbazia di S. Giovanni in Venere a Fossacesia;

– nell’aquilano il Complesso della SS, Annunziata a Sulmona.

Di notevole importanza i numerosi Santuari, tra i quali il Santuario di S. Gabriele dell’Addolorata a Isola del Gran Sasso, che è uno dei 15 luoghi di culto più visitati al mondo, e il Santuario del “Volto Santo” di Manoppello, dove viene custodita la famosa reliquia che, assieme alla Sacra Sindone di Torino, raffigurerebbe la vera effige di Cristo.

img_chieseeremi_01
img_chieseeremi_02

Numerosi, suggestivi ed inaccessibili sono gli eremi d’Abruzzo:

EREMI DELLA MAJELLA E DEL MORRONE
Tra gli eremi della Majella e del Morrone rientrano: S. Bartolomeo in Legio, S. Spirito a Majella, S. Onofrio all’Orfento, S. Giovanni all’Orfento, la Madonna della Mazza e la Grotta dell’Eremita a Pretoro, la Grotta del Colle a Rapino, la Grotta Sant’Angelo a Lama dei Peligni, la Grotta Sant’Angelo a Palombaro, la Madonna dell’Altare a Palena, San Michele a Pescocostanzo, la Madonna di Coccia a Campo di Giove, ed infine incastonati nella dura roccia della selvaggia Majella gli eremi di Sant’Onofrio, Santa Croce al Morrone, Santa Maria de Cryptis e Sant’Angelo in Vetuli che ricordano l‘esperienza mistica dell‘umile eremita Pietro da Morrone, il futuro papa Celestino V.

EREMI DEL SALINELLO
Tra gli eremi del Salinello rientrano: la Grotta Sant’Angelo di Ripe e Santa Maria Scalena a Civitella del Tronto, e San Francesco alle Scalelle, Santa Maria Maddalena e Sant’Angelo in Volturino a Valle Castellana.

EREMI DEL GRAN SASSO
Tra gli eremi del Gran Sasso troviamo Santa Maria a Pagliara, Santa Colomba, San Nicola di Fano a Corno e l’Eremo di Fratta Grande tutti ad Isola del Gran Sasso; mentre a Fano Adriano troviamo l’Annunziata.

EREMI DELLA MARSICA E DELLA VAL ROVETO
Tra questi eremi leggermante più distanti dall’Hotel troviamo la Grotta di San Benedetto a Massa D’Albe, San Marco alla Foce a Celano, la Grotta di San Giovanni a Bisegna, la Madonna del Cauto a Morino, Santa Maria della Ritornata a Civita d’Antino e la Grotta dell’Angelo a Balsorano.